Studio Nardelli
Studio Nardelli

In cauda... il superfluo

Lunedì, 16 maggio 2020

di Giovanni Nardelli

 

 

C’è un aspetto che ci ha colpito e che riscontriamo quotidianamente in questi ultimi tempi e cioè che molte persone sia di genere maschile che femminile, hanno sviluppato una volontà a non voler più ritornare alla “vita di prima”, alla vita antecedente alle restrizioni che si stanno mettendo in atto per far fronte all’emergenza legata al COVID-19.

Quello che sta succedendo è una rinuncia a tornare a fare quello che si stava facendo prima. Ma perché? Le motivazioni potrebbero essere molteplici, ma in questa sede affronteremo un’area che è quella legata, a nostro parere, ad una concezione globale di economia. Con questo isolamento ci si è accorti di appartenere ad un ingranaggio consolidato da sempre e che ci stritola: mi alzo, vado a lavorare, guadagno, pago il mutuo, posso comprarmi la macchina, ecc. ecc. Questo meccanismo economico nasce praticamente con noi ed è anche questo il motivo per il quale lo Stato ha deciso di chiudere “dopo” le attività commerciali, perché sapeva perfettamente che si sarebbe creato e sin da subito un gap economico come effetto, sia a breve che a lungo termine, con ripercussioni difficilmente calcolabili a livello monetario, ma, poi, anche perché le persone si sono abituate a vivere una vita fatta di semplicità e hanno sperimentato in questa clausura, che, in un primo momento, è sembrata davvero forzata, poi un qualcosa di diverso: ci si può accontentare anche di meno e si vive più felici, al “riparo”.

Il danno/opportunità è dunque su vasta scala. Da un lato, quello umano, dall’altro quello economico. Ma è apparso anche un altro aspetto: ci si è accorti di poter stare senza il superfluo e di stare bene. Si è sperimentato anche che stare a casa in fondo è bello e comodo. La casa è la nostra naturale "zona di comfort", lontano da tutte quante quelle paure. E l’ansia che si configura come naturale dal punto di vista dell’isolamento e del dover ritornare, quindi il doversi ri-esporre, non è un qualcosa legata alla paura del contagio in se stesso, ma al ritornare a fare quella vita sacrificante che ci fa lavorare il doppio e guadagnare la metà. L’isolamento rappresenta una scelta in qualche modo volontaria che ci porta ad escludere questo malessere dovuto alla sveglia mattutina e al correre al lavoro, al dover fare e rifare sempre le stesse cose… diciamo che in qualche modo abbiamo sperimentato “altro”… un qualcosa che, paradossalmente, ci fa stare bene… perché rinunciarvi!?

Commenti

Non sono ancora stati effettuati inserimenti.
Inserisci il codice
* Campi obbligatori

Cell. 331 7222 617

 

 

info@gianninardelli.it

Catania,

C.so Delle Province 225

Milano

Via G. Quarenghi, 40

Stampa Stampa | Mappa del sito
Dott. Giovanni Nardelli Copyright©2016 All Rights Reserved

Chiama

E-mail

Come arrivare